Questo sito utilizza i cookies e le variabili di sessione per migliorare la tua esperienza di navigazione offrendoti un servizio personalizzato. La navigazione sul nostro sito ne comporta l'automatica accettazione. Per ottenere ulteriori informazioni, ti invitiamo a prendere visione della nostra Cookie Policy.



Perchè donne e perché turismo responsabile?

 

E’ necessario che, dall’Italia al Mondo, il concetto di lotta alla discriminazione di genere, già introdotto in molti settori, sia riconosciuto anche nel turismo nelle sue accezioni più nuove.
I dati dimostrati dagli esperti in varie ricerche, ci dicono che:

  • Le donnelavoratrici nel mondo devono ancora raggiungere parità ed equità di guadagno e compiti; il turismo non fa eccezione al "nero" e al doppio lavoro, anche se le donne sono più della metà degli addetti.

  • Sono portate all’accoglienza e ad inventare turismo di qualità, le più brave ad imparare e a far fruttare i microcrediti: questo può essere una perfetta leva per pareggiare la loro condizione. A volte non sanno come usare al meglio le proprie capacità e conoscenze per trovare o migliorare la propria attività (sono isolate, segregate a lavorare solo con altre donne, non hanno tempo per formarsi, sono demotivate a trovare supporto e finanziamenti).

  • Dietro una donna ci sono famiglie e comunità: i progetti con loro sono un vantaggio per la società. La mancanza di pari opportunità e la scarsa presenza di donne nei ruoli decisionali, ha una conseguenza negativa sulla vita di intere comunità, sia nei paesi sviluppati che in quelli in via di sviluppo. I Progetti con le donne devono seguire modalità a sé. Le particolari capacità delle donne trovano una leva di rafforzamento e corrispondono alle caratteristiche del turismo responsabile, danno risultati più duraturi e sono più adattabili contro le crisi, sia in Italia sia nei Paesi in via di sviluppo.

  • Le viaggiatrici dal nord del mondo sono più degli uomini e più attente: sono le maggiori utenti di viaggi responsabili, sono quelle che scelgono i viaggi (con le amiche, per la classe dei figli, per il “capo”, per la famiglia).

  • I nuovi viaggi di tendenza sono sempre più vicini alla cultura, alla natura, alle tradizioni delle comunità, alla gente. Questi modi di viaggiare corrispondono al modo di organizzare il turismo da parte delle donne, accogliendo i turisti, facendo conoscere le culture e il territorio, organizzando la produzione di manufatti o cibo da offrire, secondo la tradizione locale. Tutti gli argomenti direttamente o indirettamente collegati al turismo responsabile sono innovativi e importanti per rafforzare lo sviluppo globale.

  • Il turismo responsabile è sempre più una filosofia che unisce turisti, pianificatori, grandi e piccole imprese o tour operator, che in un viaggio sommano esperienze, incontri, innovazione, rispetto, trasparenza, sviluppo giusto, che appaga chi ricerca caratteristiche di incontro, esperienza, rispetto dell’altro, scoperta.

In conclusione, portare i viaggiatori “a casa delle donne” significa aiutare l’occupazione femminile e lo sviluppo globale, seguire le nuove tendenze, incrementare un mercato equo, eliminare le discriminazioni.

Cosa le donne devono sapere per lavorare nei nuovi turismi  
Come il turismo responsabile serve alle donne 
Dove andare per viaggiare con le donne in mente