Questo sito utilizza i cookies e le variabili di sessione per migliorare la tua esperienza di navigazione offrendoti un servizio personalizzato. La navigazione sul nostro sito ne comporta l'automatica accettazione. Per ottenere ulteriori informazioni, ti invitiamo a prendere visione della nostra Cookie Policy.



Un’ isola, dodici donne, mille fiori, quattro stagioni

Dove: Isola di Capraia, Arcipelago Toscano

Chi: Walden viaggi a piedi e le Donne dell'Isola di Capraia

Una rete di dodici innovatrici apre la strada per aumentare l'occupazione femminile e il turismo naturalistico e culturale

3star

Siamo in una delle sette isole dell'Arcipelago Toscano, nel più grande Parco Marino d'Europa: profumo di rosmarino, cisto, mirto, rocce nere del vulcano emerso milioni di anni fa, terrazzamenti sottratti ai sassi in anni di lavoro, antichi tracciati riportati alla luce, sentieri che salgono dove nidificano il gabbiano corso e i falchi. A picco sul mare, si cammina dietro a Elisabetta Stella -guida escursionistica ambientale, fortissima in montagna, grande esperta di botanica- tra i fiori di stagione, nell'Itinerario a tappe dalle donne che si sono unite per condividere la loro conoscenza di natura, cultura, enogastronomia, attivissime tutto l'anno. Su un fatto all'unisono: "Capraia è un'isola di donne".

Inverno
Le signore dell'isola si incontrano da Franca Cerri: unica bottega e forno, in cui residenti e visitatori comprano pane, miele, vino, olio locali, scelti con passione. Poi passano in piazza, da Marida Bessi. Mentre Elisabetta ha avuto l'idea di inserire le donne nei suoi itinerari sui sentieri più belli dell'isola, Marida, animatrice di mille attività da anni, è stata l'iniziatrice di una rete, che è cresciuta per passa parola da una all'altra. Vera liason con la Capraia naturalistica, al'Agenzia Viaggi Parco, lei e Antonella Vito, distribuiscono libri, informazioni sugli itinerari, organizzano dal dormire al noleggio, dalla barca taxi, alle escursioni. E ospitano le opere di Rossella Faleni, che si definisce artista del mare e artigiana itinerante.
In inverno, le rupi sono coperte di ciuffi di giunchiglie, zafferanetti e carota di scogliera, dai prati si torna con i bianchi fiori delle sammole per la frittata, e sul mare si naviga nella Riserva Marina protetta, dove spicca l'isolotto della Peraiola, a febbraio già giallo di ginestre.

I sentieri salgono fino alla Mortola, alla Punta della Teja al Monte Le Penne, e scendono fino alla Cala di Porto Vecchio passando per l'agriturismo Valle di Portovecchio. Questo è il regno di Rossana Chierichetti: per gli ospiti una bella camera, orto da coltivare, frutteto e ulivi da potare, piatti della tradizione da gustare, come il dolce Fecolino o la zuppa toscana con i cavoli e le verdure di stagione. Quando Elisabetta arriva qui con il suo gruppo di trekkisti, i padroni di casa offrono libri con la storia di Capraia, informazioni sulle barche da pesca, mappe dei sentieri, ricette. A notte, si scende per la valle al mare, sotto le stelle.

Primavera
Da Marzo a Maggio, si passa tra le Torri, la Fortezza e i muri del paese, tinti dal viola purpureo della violaciocca e dal giallo dell' euforbia, l'erba delle pozioni della Maga Circe, e si sale al Monte le Penne tra gli asfodeli, alla Sella dell'Acciatorre, o allo Stagnone, il lago bianco di ranuncoli. Elicriso, mirto, corbezzolo, rosmarino, affiancano il sentiero per la Punta dello Zenobito, Oasi Protetta perchè vi nidifica il raro Gabbiano Corso. In alto, passano i migratori: è il momento per vedere Gruccioni, Falchi di palude, Pispole dalla gola rossa, che, tra Africa e nord, si fermano indisturbati a riposare.

Scesi in paese, vicino al Castello, c'è la tappa gastronomica obbligatoria, il Carabottino, ovvero l'apoteosi dell'Ittiturismo: dalla barca del marito alla tavola, Siria Petrucci cucina pesce per pochi e prenotatissimi tavoli sotto la pergola, in una teoria di carpacci, patè, tonnetti sott'olio, ali di razza lessati, sughi per le paste fatte in casa, caciucco di polpo (il favorito di Elisabetta è il barracuda).
Poi, imperdibile, un salto alle boutique, come l'Astracù, il "fondo" di travi bianche, rami modellati dal mare e vecchie madie, di Scilla Maltinti, che ha scelto di fermarsi qui perché "Capraia è emozioni". O tra i vestiti vintage di Rossella Corsi nello spazio magico di Kirkè .
Tra aprile e maggio, tutte le donne dell'isola spolverano le ricette della nonna e scendono in piazza, alla Sagra dei Sapori, la kermesse di specialità delle isole dell'Arcipelago Toscano.

Estate
Con il caldo Elisabetta consiglia la gita tra i palmenti e la fortezza fino alla Punta Bella Vista. Poi si scende alla cala di San Francesco, o noleggiando una barca si fa snorkelling sul fondale turchese alla Mortola, o nel blu cobalto di Cala Rossa, ricoperta di piccoli fiori giallo oro.
L'idea in più? I suoni della notte. In barca alle falesie, dove di giorno si vedono il Falco pellegrino in volo e il Marangone dal ciuffo indaffarato a pescare, ma nelle notti senza luna risuona il canto delle Berte. Oppure sulla terra, prima che il sole sorga, con la musicoterapia di Rossana Galasso: tre ore di energia pura "sentendo" profumi, colori, silenzio, campana tibetana, canto, massaggio senza tocco, salendo lentamente incontro all'aurora. Arrivati in cima alla valle di Portovecchio, colazione all'agriturismo, con marmellate, pane, miele, burro di casa.

In paese, dopo un tuffo alle cale dello Zurletto o sotto il Castello, ci si diverte con libri e arte. Perché nelle serate estive moli e piazze diventano un polo culturale, grazie a I Portatori di Libri, associazione culturale ad alto tasso femminile. Rossella Corsi è la creativa del vintage, Sonia Severi è la direttrice del Porto, Rossana Galasso è musico terapeuta. Ma, per passione intellettuale e volontà di creare lavoro dalla conoscenza, esse hanno riunito animatrici, bibliotecarie e artiste dell'isola, per organizzare mostre, laboratori per bambini, letture con autori, biblioteca, mercatini di libri usati, bookcrossing, biblionotte.

Autunno
Quando maturano i frutti, con Elisabetta si cammina sulle tracce di uccelli e animali, l'orto di Rossana è un'apoteosi di colori, Siria cucina saraghi e dentici, si stendono tovaglie sui tavoli per assaggiare vini e vecchie ricette. Il mirto, il lentisco, il corbezzolo si caricano di bacche per gli uccelli migratori, che passano a migliaia sull'Arcipelago. Da ottobre a dicembre risuonano i colpi di corna inconfondibili dei mufloni maschi, in competizione per l'accoppiamento.
Ai primi di novembre la nave da Livorno arriva carica di appassionati per il festival del Camminare e di golosi per la più grande Sagra del Totano del mondo, con gara di pesca, feste sul porto e degustazione di prelibati piatti, rigorosamente a base di calamaro.
Intanto, ovunque si raccoglie il mirto: all'agriturismo Valle di Porto Vecchio, i visitatori partecipano alla raccolta e Rossana spiega come si distilla il liquore e si prepara la confettura, in un vero laboratorio del gusto con assaggi.

Ma le degustazioni più ambite sono quelle del prezioso aleatico. Si fanno tutto l'anno, salendo ai terrazzamenti strappati alla macchia e recuperati con un coraggioso restauro ambientale. Guidati da Alice Bollani, che alla testa di agronomi, enologi, vendemmiatori, ha raccolto per passione l'eredità dell'Azienda Vinicola La Piana. Qui, per i viandanti assetati, Alice organizza percorsi di educazione ambientale sul ciclo della vite, degustazioni di passito e vermentino su gran tavolate sotto i lecci nella vigna, scambi di golosità con l'agriturismo di Rossana, visite a antichi pozzi, muri a secco e chiesa, primi insediamenti sull'isola, tra oleandri, rose e filari, dove il tempo sembra essersi fermato.

INFO

Elisabetta Stella: www.waldenviaggiapiedi.it

Marida Bessi: Agenzia Viaggi Parco www.isoladicapraia.it , tel 0586 905071

Rossella Faleni: www.rossellafaleni.it

Rossana Chierichetti: www.isoladicapraia.it/vallediportovecchio/ tel. 0586905242

Siria Petrucci: Il Carabottino tel. 0586 905037 333 3938002

Scilla Maltinti, fb Astracù

Sonia Severi, Rossana Galasso, Rossella Corsi: fb I portatori di Libri , tel. 3383301427

Alice Bollani: Azienda Vinicola La Piana www.lapianacapraia.it/ tel. 392 0592988

Foto di Fabio Guidi

Cosa le donne devono sapere per lavorare nei nuovi turismi  
Come il turismo responsabile serve alle donne 
Dove andare per viaggiare con le donne in mente