Diritti Umani, Genere e Turismo

Siamo anche allineati con il tema dell'8 marzo di UN Women "Donne nella leadership: Raggiungere un futuro uguale in un mondo COVID-19", la cui campagna Generation Equality richiede il diritto delle donne al processo decisionale in tutti i settori della vita, la parità di retribuzione, la parità di condivisione delle cure non pagate e il lavoro domestico, porre fine a tutte le forme di violenza contro le donne e le ragazze e ai servizi sanitari che rispondono alle loro esigenze.

Diritti umani e donne nel turismo
Il turismo tocca molti aspetti dei diritti umani, dall'alimentazione all'acqua, dall'alloggio alla salute e all'istruzione.
Le donne sono le principali interessate ai diritti del lavoro, l'istruzione e i processi decisionali, la protezione dalla discriminazione, la sicurezza e la salute.
Ora con la crisi anche questi bisogni sono ingranditi.
Le donne sono per lo più in prima linea per i diritti dei lavoratori, hanno bisogno di protezione dalla discriminazione, inclusione nei processi decisionali e diritto alla sicurezza; questi diritti sono ancora più cruciali con la pandemia (Human Rights Council delle Nazioni Unite).

Dati sulle donne e la crisi

• A livello globale, le donne costituiscono più del 54% dei lavoratori nel turismo, quasi il 70% all'interno del settore alberghiero, meno del 40% in posizioni manageriali, meno del 20% dei ruoli di gestione generale, 8% delle posizioni di consiglio.
• Per le donne e le ragazze la crisi sta aumentando i rischi di disoccupazione, abbandono scolastico, violenza domestica. Le donne erano già occupate in lavori precari, ma sono anche le prime a perdere il lavoro. Il tasso di disoccupazione è di +5% in generale e di +20% nel turismo.
• L'impatto della crisi è senza precedenti: il tasso di disoccupazione del turismo mondiale è aumentato del 20% in un mese, da novembre 2020 a dicembre 2020 (ILO, 2021).
• La crisi pandemica ha colpito i lavoratori informali, le donne in primo luogo, e anche nel settore formale, hanno tenuto più probabile posti di lavoro a rischio durante l'emergenza, come l'interazione faccia a faccia, e tutte queste questioni hanno contribuito ad estendere la disuguaglianza di genere.

Esperienze ed esperti
E ora andrò più a fondo in punti specifici o esempi, da esperti che ho intervistato.
Per esempio Stroma Cole, di Equality in Tourism e West of England University, nella sua esauriente conferenza su Tourism Business Human Rights and Gender Equality in Indonesia, spiega anche che "i diritti dei lavoratori nel turismo sono più incerti per le donne”. Osserva che i diritti umani sono interconnessi ed è molto interessante il suo esame sul diritto all'acqua. “Poter accedere all’acqua influenza la capacità di crescere e cucinare cibo sano. L'aumento dell'insicurezza idrica aumenta i tassi di violenza di genere. La paura della violenza sessuale impedisce alle donne e alle ragazze l'empowerment e il rendimento sul posto di lavoro. I diritti umani sono anche legati alle diversità salariali".

Ho chiesto alla Roundtable Human Rights in Tourism, un'iniziativa multilaterale per la promozione dei diritti umani nel turismo, di analizzare i diritti di genere, e Jara Shreiber ha notato che: “L'attuale pandemia offre alle aziende turistiche la possibilità di valutare i rischi legati ai diritti umani di genere in tutta la filiera. Ci sono una varietà di interventi che gli operatori turistici possono attuare per migliorare la loro posizione, contribuendo nel contempo alla parità di genere a tutti i livelli. Noi abbiamo individuato un elenco di rischi frequenti legati ai diritti umani e una lista di misure da adottare: ad esempio organizzare corsi di formazione interni e di formazione di partner commerciali su come applicare un obiettivo di genere nei processi aziendali, come gli appalti, le vendite e il marketing e risorse umane".

È interessante anche il progetto realizzato dall'IECD Institut Européen de Coopération et de Développement, con Assett e Plan nella regione del Mekong.
Come mi ha detto Sophie Hartman di IECD, dopo uno studio su alcune ragazze che frequentano la scuola H&T, in breve: "E’ emerso che una formazione professionale e permanente inclusiva e accessibile è un primo passo fondamentale per l'emancipazione futura delle giovani donne che entrano nel settore H&T. Prima della formazione, c'è un gap di conoscenza, mentre dopo la formazione, in cui si è discusso di gestione, finanza, parità di retribuzione, rappresentanza della loro voce, molestie e sicurezza, sono molto più fiduciose. Quello da cui devono difendersi sono gli stereotipi. Infatti, tornate a casa dopo il nostro progetto, hanno dovuto difendere i loro diritti contro i ruoli di genere delle comunità rurali, che sono ancora forti. Per di più ora, con la crisi, le aziende sono alla ricerca di personale multitasking, cercano chi sa come impostare un tavolo, ma non di finanza: e così le donne continuano ad essere impiegati per le competenze soft ".

E infine, Ben Sherman, presidente della World Indigenous Tourism Alliance (WINTA) ci ha anche spiegato che: "Le donne indigene non hanno accesso alle opportunità nel turismo. Direi che il diritto principale negato è l'autodeterminazione, ma le donne sono più suscettibili di essere negate o emarginate a causa del loro ruolo tradizionale nelle famiglie, nelle comunità e nella società più grande".

Alcune buone pratiche che ci piacciono
Il turismo può sottrarre le donne a situazioni difficili e migliorare tutta la società. Nelle interviste fatte per la Guida delle Libere Viaggiatrici nel 2020, ho incontrato fantastiche imprenditrici che, durante l’isolamento, hann creato decine di progetti turistici e storie affascinanti, dimostrando la vera resilienza.

Tra i casi premiati per la difesa dei diritti umani, ci sono casi come Las Kellys, le cameriere degli alberghi spagnoli che difendono i diritti dei lavoratori dell'ospitalità; le Three Sisters con trekking e empowerement in Nepal; le grandi iniziative di Shaka Association contro gli stereotipi e la violenza in India, che ha cambiato la vita di tante ragazze, per esempio formandole come guidatrici di taxi.

A Cusco, i diritti delle donne vulnerabili sono tutelati dalla ONG Caith, occupandole in una catena di ostelli.
Ma la novità più recente arriva dal Molise: nell’estate del 2020, dopo un corso con gli olivicultori, è stata prodotta la prima bottiglia di olio dalle ragazze di ASPEM: un fantastico esempio di come nel turismo si possono fare progetti dal basso, per salvare le donne dall'abuso dei loro diritti lavorando in modo equo nel turismo. E già si preparano percorsi e ospitalità per i prossimi viaggiatori.

Call to Action
Infine, le donne nel turismo devono spingere l'industria e i politici a mettere una lente di genere in qualsiasi decisione.
Con le associazioni a cui GRT è collegata, come l'ISTO International Social Tourism Organisation e Equality in Tourism, stiamo lanciando un invito all'azione, a tutte le associazioni e organizzazioni di donne nel turismo, per applicare queste proposte e diffonderle nei loro Paesi.
La mia idea è che abbiamo bisogno di un cambiamento culturale e che dovremo introdurre in qualsiasi politica una valutazione di impatto di genere, la ricerca di dati disaggregati per sesso, CSR di genere.
Non li sto elencando tutti, questo potrebbe essere l'argomento per una prossima conferenza! Ma dico a tutte le donne del turismo di unirsi e inizieremo ad agire insieme.

Tempo di riformare il turismo, il futuro del turismo deve essere uguale per genere!
Insieme, Equality in Toruism, Gender Responsible Tourism e ISTO, invitano ogni membro del settore turistico a:
• Includere le valutazioni d'impatto di genere e il bilancio nei progetti e nelle politiche
• Raccogliere dati disaggregati
• Lavorare con le organizzazioni per i diritti delle donne - garantire che le voci delle donne siano ascoltate
• Migliorare i linguaggi delle donne, le competenze digitali e tecniche
• Assumere, retribuire e promuovere equamente le donne
• Impegnarsi a consentire a tutto il personale di conciliare lavoro e vita familiare
• Avere un codice di condotta e chiare procedure di segnalazione per denunciare molestie e abusi, senza pregiudizio e socializzare in tutta l’organizzazione.

Accogliamo con favore qualsiasi organizzazione che voglia fare di questo una realtà di unirsi a noi!

Tags: turismoresponsabile soluzione crisi turismo, occupazione femminile crisi economica covid, imprenditrici turismo crisi economica, crisieconomica covid colpisce le donne

Rimani aggiornato

Iscriviti alla Newsletter
La Guida delle Libere viaggiatrici
Partecipa in GRT
Facebook

Cosa le donne devono sapere per lavorare nei nuovi turismi  
Come il turismo responsabile serve alle donne 
Dove andare per viaggiare con le donne in mente